Hollywood

Hollywood è il più celebre distretto di Los Angeles legato all’industria cinematografica. Ci sono alcune cose che è impossibile non vedere se si è in questo incredibile “quartiere”. Innanzitutto, la celebre scritta “HOLLYWOOD” sulla montagna. La scritta non è visibile da qualunque zona di Los Angeles ma, anche se visibile da più parti, presenta un punto di vista privilegiato dal Griffith Park Observatory da dove la vedrete in un colpo d’occhio davvero scenico. La scritta fu issata negli Anni Venti come “Hollywoodland” a soli scopi pubblicitari di una zona con alloggi. Nel ’49 fu eliminata la scritta “land” e rimase la sola Hollywood, conservata grazie al gran numero di persone che volevano vederla. Esiste anche un sito ufficiale con tutte le informazioni su questa leggendaria scritta al sito internet www.hollywoodsign.org.

Hollywood

Foto CC-BY-SA di Sörn

Da non dimenticare nemmeno la Walk of Fame: un lungo marciapiede tra Hollywood Boulevard e Vine Streeet con il nome di oltre duemila persone celebri che hanno fatto la storia del cinema. Inaugurata nel 1960, è oggi più lunga della versione originale e, cosa che non tutti sanno, ogni stella viene “mantenuta” dalle celebrità stesse con una tassa. Nei pressi della Walk of Fame è da visitare l’Hollywood Entertainment Museum, con arredi e scenografie del mondo del cinema e i set originali dei film di Star Trek.

Hollywood Walk of Fame

Foto Pubblico dominio di Owen Lloyd

Ci sono poi gli studi cinematografici. I Paramount Studios, oggi dismessi, sono adatti per conoscere informazioni e visitare i set più “storici” del cinema, mentre gli Universal Studios fungono da polo di attrazione sui film più attuali, con percorsi e set a tema incentrati su molti di essi come ad esempio La Guerra dei Mondi, Fast and Furious, King Kong, I Simpson, Desperate Housewives. Per vedere gli Universal Studios sarà necessaria un’intera giornata.

Il Grauman’s Chinese Theatre è assolutamente da visitare per essere stato il teatro di riferimento per il cinema degli anni Trenta e importante per le molte aperture teatrali dell’epoca. Unica anche la conformazione delle sale, molto diversa da quelle attuali. In un cortile interno è anche possibile vedere le orme di mani e piedi di molte star degli anni Trenta e Quaranta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>